Attacco alla sede femminista di via dei volsci 22

Il 12 maggio avevamo con tranquillità e determinazione animato via dei volsci con i nostri striscioni, chiacchiere, risate e musica, tanto che qualcuna se la scoattava un po’ “anvedi non sembra neanche così troppo fogna via dei volsci stasera!”. In quella serata abbiamo raccontato alle altre l’inizio del progetto di archivia in movimento che vorrebbe ricostruire con scritti, striscioni e immagini le lotte e i conflitti agiti dalle compagne femministe del movimento a partire dagli anni 90.

Con fermezza denunciamo l’ennesima bomba che nella notte di venerdì 30 maggio fa saltare la porta del 22. Il fatto avviene in concomitanza dell’iniziativa “techno per i detenuti” dentro le sedi di via dei volsci 26/28. Quando alcune compagne presenti in via sentono il botto e accorrono, sono costrette a fronteggiare attacchi fisici e verbali da parte di alcuni che stavano davanti al 26/28.

Altri partecipanti all’iniziativa si chiudono dentro un silenzio complice, mentre con ben altro spirito alcune compagne e compagni solidarizzano con noi. Diverse le compagne accorse e in unadecina rimangono a presidiare la sede fino all’alba, mettendo in sicurezza la porta nonostante i continui attacchi con cori fascisti, calcistici e lesbofobici. I sopra citati partecipanti alla serata, colti in flagrante, hanno rivendicato l’attacco e dichiarato apertamente che vogliono che ce ne andiamo.

Non ci faremo intimidire da questo ennesimo attacco!

22resiste

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.